Utilizza la versione mobile

Dossier Titoli

Il deposito a custodia e amministrazione di strumenti finanziari è un contratto con il quale la banca custodisce e/o amministra, per conto del cliente, strumenti finanziari e titoli in genere, cartacei o dematerializzati (azioni, obbligazioni, titoli di Stato, quote di fondi comuni di investimento ecc.).

La banca, in particolare, mantiene la registrazione contabile di tali strumenti, cura il rinnovo e l’incasso delle cedole e dei dividendi, verifica i sorteggi per l’attribuzione dei premi o per il rimborso del capitale, procede, su incarico espresso del cliente, a specifiche operazioni (esercizio del diritto di opzione, conversione) e in generale alla tutela dei diritti inerenti ai titoli stessi.

Nello svolgimento del servizio la banca, su autorizzazione del cliente medesimo, può subdepositare i titoli e gli strumenti finanziari non dematerializzati per legge presso organismi di deposito centralizzato ed altri depositari autorizzati.

Alla custodia e amministrazione di strumenti finanziari è solitamente collegata la prestazione dei servizi e delle attività di investimento in strumenti finanziari.

Il rischio principale per il cliente è costituito dalla variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (commissioni e spese del servizio), ove contrattualmente prevista e comunque in presenza di un giustificato motivo.

Ulteriore rischio è rappresentato dal rischio di controparte, cioè dall’eventualità che la banca non sia in grado di rimborsare al cliente, in tutto o in parte, i crediti derivanti da specifiche operazioni da questi effettuate. Per questa ragione la banca aderisce al Fondo Nazionale di Garanzia, che assicura a ciascun depositario (cliente) una copertura fino a 20.000 euro per i crediti derivanti dalla prestazione del servizio di custodia e amministrazione di strumenti finanziari, in quanto accessorio ad operazioni di investimento.

Leggi il foglio informativo